:: PeaceWaves International Network :: www.peacewaves.org ::
 
:: PeaceWaves International Network :: www.peacewaves.org ::

:: press

 
► archivio news

► rassegna stampa

► photogallery

► mediagallery

► ufficio stampa
 

        
 

  2008 (4 Articles)

  2009 (24 Articles)

    » January (1 Article)

    » February (2 Articles)

    » April (4 Articles)
:: PeaceWaves Network onlus :: www.peacewaves.org ::

:: PeaceWaves Network onlus :: www.peacewaves.org :::: PeaceWaves Network onlus :: www.peacewaves.org :::: PeaceWaves Network onlus :: www.peacewaves.org ::

    » May (3 Articles)

    » June (2 Articles)

    » August (1 Article)

    » September (7 Articles)

    » November (3 Articles)

    » December (1 Article)

  2010 (15 Articles)

  2011 (27 Articles)

  2012 (24 Articles)

  2013 (25 Articles)

  2014 (11 Articles)

  2015 (10 Articles)

  2017 (3 Articles)

  2019 (2 Articles)

  2020 (1 Article)

 ► Aiutiamo l'Abruzzo

PeaceWaves invita i propri soci, partner e amici a partecipare alla raccolta fondi della Protezione Civile per le vittime del sisma. Abbiamo inoltre lanciato la campagna "Aiutiamo l'Abruzzo", coordinata da Enrico De Barbieri.

 ► Apertura di Karzai, ma l'impegno deve continuare

Il presidente dell’Afghanistan ha ordinato una revisione della legge accusata di legalizzare lo stupro, ma non il suo ritiro. Pertanto è fondamentale che rimanga alta l'attenzione internazionale: vi invitiamo quindi a continuare a firmare la nostra lettera.

 ► Lettera a Karzai contro lo stupro legalizzato

Approvata in Afghanistan una legge che legittima lo stupro, impedisce alle donne di suonare e cantare in pubblico, di uscire da sole e di cercare lavoro. Marco Braghero ha scritto una lettera aperta al Presidente Karzai affinché venga revocata. Firma anche tu

 ► Afghanistan...

Riportiamo l'articolo di Marco Braghero pubblicato il 31 marzo su Il Secolo XIX. Un'attenta analisi sull'evoluzione della situazione socio-politica in Afghanistan, i limiti dell'intervento internazionale e le proposte concrete per riportare finalmente la pace nel paese.