:: PeaceWaves Network onlus :: www.peacewaves.org ::
 

:: press

 
► archivio news

► rassegna stampa

► photogallery

► mediagallery

► ufficio stampa
 

        
 

:: news

21-06-2012 Uccisa Ghazala Javed, PeaceWaves rinnova il proprio impegno

Ghazala Javed, icona della musica Pakistana Pasthun, è stata uccisa ieri a soli 23 anni dai Taleban a Peshawar. Un’esecuzione in piena regola, da parte di un commando di quattro uomini in moto, nella quale ha perso la vita anche il padre.

Continua il massacro degli intellettuali, degli artisti e dei musicisti in particolare delle musiciste. La musica non è proibita dal Corano, ma i Taleban interpretano la sharia in senso restrittivo, e ritengono soprattutto che la musica implichi un senso di libertà.

Un altro grave episodio che ci riporta alla memoria Nadia Anyuman, morta uccisa dal marito, ricercatore universitario ora già in libertà, a 22 anni il 5 novembre del 2007. Due giorni più tardi, PeaceWaves inaugurava la Victoria Music School di Kabul. Nadia Anyuman ha continuato a “vivere” attraverso la diffusione su internet di pochi significativi testi, tradotti dal persiano prima in inglese e successivamente in tedesco e in italiano.

PeaceWaves si unisce a tutte le artiste e gli artisti e le musiciste Pakistane e Afghane, ricordando che la cultura è la vera sfida per la ricostruzione. Continueremo il nostro impegno a favore delle artiste e degli artisti Afghani e Pakistani perché attraverso la loro musica, le loro poesie, i loro quadri, le loro danze, il loro teatro, il loro cinema, la loro fotografia, i loro libri possano riconquistare la libertà, di sognare e di realizzare i loro progetti di vita, di riuscire a sconfiggere il terrore e ridonare alle loro popolazioni il senso e l'orgoglio di appartenenza a una cultura millenaria di pace e di grande civiltà.

Con tutti loro dovremo resistere, resistere, resistere ma al contempo continuare a creare, creare, creare, sognare, progettare, realizzare la vita nuova. Dovremo usare tutta la resilienza di cui siamo capaci per imparare e quindi insegnare che ogni ricostruzione si co-costruisce, si fonda, si realizza a partire dalla cultura. Chiediamo più investimenti, più progetti mirati. Da parte nostra ci impegneremo con tutte le nostre modeste forze a continuare nei progetti intrapresi.

Tra le attività più significative condotte da PeaceWaves nella ragione in questi anni vogliamo ricordare l'apertura nel 2007 della Victoria Music School di Kabul (aperta anche alle donne), la Pre-Peace conference della società civile Afghana (27-29 gennaio 2008), la ricerca, coordinata dalla Dott.ssa Lucia Berdondini della Stratchtclyde University di Glasgow sulla situazione femminile e il corso in Counselling con la collaborazione del British Council e di Strachclyde University di Glasgow e l'Università di Herat, l'Università Salesiana di Psicologia Rebaudengo di Torino,

La prossima tappa sarà l'apertura di una nuova scuola di musica aperta alle donne a Herat, nel contesto della Faculty of Art dell'Università di Herat. Questo avverrà quanto prima se la generosità dei cittadini europei e la disponibilità di Fondazioni ed altri Enti ce lo permetteranno.

Il progetto vedrà anche la realizzazione di una cooperativa femminile per la produzione di gioielli di pietre preziose (principalmente i lapislazzuli di cui l'Afghanistan con il Cile è il maggior produttore mondiale) montati inizialmente su materiale povero. Le ragazze afghane appositamente selezionate secondo criteri Afghani per etnie e competenze potranno usufruire di una formazione specifica con l'Orafa Design Anna Arnaldi di Biella, una rete di scuole, tra cui il Liceo Artistico di Arezzo, orafi ed esperti e operatori del settore. La presentazione del progetto è prevista per il mese di dicembre 2012, in quella occasione si presenteranno anche i primi dati della ricerca in corso sulla condizione femminile e giovanile in Afghanistan vista dalla società civile afghana con oltre 5000 interviste e questionari.

La nuova scuola di musica nella Faculty of Art di Herat, quando vedrà la luce, sarà dedicata alla Poetessa Nadia Anjuman ed alla cantante Ghazala Javed.

Marco Braghero
Presidente
PeaceWaves International Network

»  Le poesie di Nadia Anjuman
»  La pagina Facebook di Ghazala Javed

Uno dei pezzi di Ghazala Javed


La notizia sui media:
»  Blogosfere: Ghazala Javed cantante scomunicata uccisa: dopo le minacce l'assassinio in Pakistan
»  The Independent: Ghazala Javed: Singer who defied Taliban's decree is shot dead in north-western Pakistan
»  La Stampa: Pakistan, i taleban uccidono la cantante "scomunicata"
»  Panorama: Pakistan: cantante pop uccisa dai talebani

(Voto medio 5/5 - 16 voti) Vota l'articolo

 
 
 
 
  
 
 
 
 
 
 
 

 

 

::  le ultime news

 

stampa

Bookmark and Share